Regione ecclesiastica Marche

La storia

L’attuale regione amministrativa italiana delle Marche è divisa in quattro province (Ancona, Ascoli Piceno, Macerata, Pesaro- Urbino);
ingloba 246 comuni, dei quali poco meno della metà (120) fa parte di una delle dodici comunità montane (6148 km2). Il 31,2 per cento è zona montana, e il 68,8 è collina litoranea. La regione è altamente sismica;
230 comuni sono a rischio sismico di livello medio, cioè 96,5 per cento del territorio e 93,7 per cento della popolazione è esposta a una situazione di pericolo costante;
gli ultimi violenti terremoti avvennero nel 1972 (Ancona) e nel 1997. Tali episodi hanno condizionato molte attività economiche e ecclesiali;
nel 1997, le scosse telluriche hanno reso inagibili la maggioranza delle chiese delle diocesi di Fabriano e Camerino, con gravi danni anche in altre diocesi delle Marche. Lungo la fascia costiera (Adriatico) si concentrano una parte consistente della popolazione, le attività economiche (impianti industriali) e le principali infrastrutture delle comunicazioni (aeroporto, autostrada, ferrovia);
invece le zone interne sono segnate da un crescente abbandono. Il tracciato di alcune strade dipende dalle antiche vie romane, prevalentemente la via Flaminia. Dall’Appennino all’Adriatico scorre un notevole sistema idrografico. I fiumi principali sono l’Esino, il Chienti, il Foglia e il Tronto. In genere, alcuni modesti porti litoranei del medio Adriatico segnati da uno sviluppo demografico rapido, a differenza dalle antiche città, divennero comuni: è il caso di Falconara Marittima, Porto Recanati, Porto Civitanova, Porto San Giorgio, Grottammare, Cupra Marittima, San Benedetto del Tronto. Il nome nuovo di «marca» (nel significato di frontiera) si affaccia nel X sec., con gli imperatori di stirpe tedesca;

​risultano allora la marca di Ancona, di Ascoli, di Camerino, di Fermo. Ad alcuni comuni minori (Fabriano, Matelica, Osimo ecc.) si aggiunse Ancona, con una attività commerciale verso l’Oriente, anteriore a Venezia. L’estensione territoriale è artificiale e arbitraria;

Diocesi Marche.png
BeWeb.png