Regione ecclesiastica Piemonte-Aosta

La storia

Delle attuali diciassette diocesi della regione ecclesiastica Piemonte otto risalgono all’epoca antica (IV e V sec.), due al basso Medioevo (XII e XIV sec.), sei all’epoca moderna (XV-XVIII sec.) e una all’inizio dell’epoca contemporanea. Gli estremi cronologici sono costituiti da Vercelli (345) e da Cuneo (1817). Mentre nell’antichità le diocesi sorsero per iniziativa delle comunità cristiane, nel Medioevo e in epoca moderna determinanti risultarono i condizionamenti politici: la geografia politica condizionò quella ecclesiastica. Dopo la pace di Vienna (1738) seguita alla guerra di successione polacca, Novara e Tortona passarono ai Savoia. Con la pace di Aquisgrana (1748), seguita alla guerra di successione austriaca, il passaggio ai Savoia toccò a Voghera, Vigevano e all’alto Novarese: così il confine orientale del Piemonte sabaudo veniva portato al Ticino, incorporando di fatto le diocesi di Novara, Vigevano e Tortona. Tutte le diocesi della regione furono suffraganee di Milano fino al 1515, quando Torino fu elevata a sede metropolitana con Mondovì e Ivrea suffraganee. Il legame piemontese con Milano fu rotto definitivamente nel 1817, quando nella ristrutturazione postnapoleonica, le diocesi furono attribuite alle due sedi metropolitane di Torino e Vercelli, neoeretta. Di regione ecclesiastica piemontese si può parlare soltanto a partire dal 1889, quando la Santa Sede istituì in Italia le diciassette regioni ecclesiastiche. Oggi la regione ecclesiastica Piemonte coincide geograficamente con il Piemonte e la Valle d’Aosta, con sconfinamenti a nord con la Francia (una parrocchia della diocesi di Aosta), a sud con la Liguria, con diverse parrocchie di Acqui e Mondovì, e a est con la Lombardia, con alcune parrocchie di Vercelli e di Novara nella provincia di Pavia.

STORIA

I - Le origini in epoca post-costantiniana

Le prime Chiese della regione sorsero nel tardo Impero romano, successivamente a quelle del resto dell’Italia annonaria, come Milano e Aquileia.

Diocesi Piemonte-Aosta.png
BeWeb.png