Statuto

Confraternita di Santa Chiara - Arcidiocesi di Genova

Bogliasco - GE

 

Sito Web

Facebook

Libro de Capitoli - (Liguria)

  • Confraternita di Santa Chiara

    La fondazione della Confraternita di Santa Chiara a Bogliasco risale al 1403. In quegli anni erano ancora vivi il ricordo ed il fermento lasciati dal passaggio lungo le Riviere del movimento dei Bianchi di Provenza del 1399. La Confraternita di Santa Chiara a Bogliasco, come altre confraternite liguri, sorse appunto dietro questa spinta, e sin dall’inizio fu finalizzata, oltreché all’aiuto reciproco tra i propri aderenti, anche e soprattutto al suffragio dei defunti ed alla loro tumulazione.

    Della sua esistenza, già nel XVI secolo esiste numerosa documentazione in atti notarili; un altro documento fondamentale che conferma la sede della Confraternita, in un edificio religioso è il resoconto della Visita apostolica alle chiese della Diocesi di Genova, fatta da Mons. Francesco Bossi nel 1582.

    La Confraternita si diede nel XVIII secolo una precisa organizzazione interna, con lo Statuto approvato dall’Autorità ecclesiastica nel 1654; in esso erano definite le varie funzioni ed i vari incarichi al suo interno.

    Molte sono le opere di inestimabile valore che sono custodite nella Chiesa della Confraternita.

    Meritano infine un accenno, per la loro spettacolarità, i maestosi crocifissi portati annualmente in processione in occasione delle festività patronali. (N.S. del Carmine, 16 luglio, Santa Chiara, 11 agosto). Sono opere di questo secolo e d’artisti pressoché sconosciuti; è tuttavia grandioso lo spettacolo della processione per le vie del paese, con questi crocifissi del peso assai prossimo al quintale ed anche più, portati in particolare equilibrio dai confratelli di S. Chiara.